Il settore finanziario colombiano può essere autorizzato a condurre operazioni crittografiche pilota

18. September 2020

Le banche colombiane possono essere autorizzate a testare le transazioni crittografiche in una nuova sandbox di regolamentazione, dopo che un consulente presidenziale ha dichiarato che un’autorità di regolamentazione finanziaria di alto livello può cercare attivamente l’aiuto del settore finanziario della nazione per pilotare le operazioni crittografiche.

Il consulente economico e tecnologico presidenziale Víctor Muñoz

In un tweet, il consulente economico e tecnologico presidenziale Víctor Muñoz ha scritto che la Superintendencia Financiera (Superfinanciera), un’agenzia governativa colombiana che sovrintende alla regolamentazione finanziaria e ai mercati, „pubblicherà un invito al sistema finanziario a testare le transazioni „fiat in e fiat out“ utilizzando una nuova sandbox di regolamentazione.

I dettagli della sandbox sono stati svelati all’inizio di questa settimana in un decreto presidenziale.

Muñoz ha aggiunto che il regolatore voleva ottenere „la prova di un quadro normativo intelligente, basato sull’esperienza, i dati e le conoscenze“.

Tuttavia, alcuni chiedono agli appassionati di crittografia della nazione di frenare l’entusiasmo per le notizie. La Criptonoticias ha osservato che il decreto non fa alcun riferimento ai criptoassets nelle sue 12 pagine.

La stampa ha anche notato che molti scambi di crittografia hanno incontrato gli sviluppi della sandbox con un certo grado di scetticismo.

La pubblicazione ha citato il capo della Bitcoin Rush Colombia Carlos Mesa, come ha dichiarato,

„Speriamo che questo appello arrivi presto e che accolga le aziende già affermate in questo settore“.

Ma altri hanno assunto un tono più ottimistico, con Mauricio Tovar, co-direttore del gruppo di ricerca accademica a catena di blocco InTIColombia, tweeting,

„Questa è una notizia importante. Il settore finanziario potrà sperimentare la crittografia utilizzando la sandbox di Superfinanciera“.

Nel frattempo, come riportato questa estate

Nel frattempo, come riportato questa estate, i regolatori colombiani sono stati sollecitati a ricominciare a redigere da zero la legislazione del Paese in materia di crittografia. Un gruppo di consulenti, composto dai capi dell’industria colombiana della crittografia e delle catene di blocco, ha detto a Bogotà di abbandonare i precedenti piani di regolamentazione formulati nel 2018. Il gruppo ha dichiarato che i piani erano già obsoleti e che era necessario tenere nuovi dibattiti.

In agosto, il Ministero della Tecnologia colombiano si è espresso a favore dell’innovazione delle catene a blocchi e dei sistemi di criptaggio per il settore pubblico. In un comunicato ufficiale, il ministero ha affermato che il Paese era „in ritardo“ rispetto ai suoi rivali internazionali quando si è trattato di adottare la tecnologia blockchain. Il ministero ha suggerito l’adozione di piattaforme di gestione delle cartelle cliniche alimentate a catena di blocchi, infrastrutture di cripto-pagamento e sistemi di voto alimentati a catena di blocchi.